venerdì 16 dicembre 2011

Struffoli

A fa ‘e struffoli è nu sfizio.

Cumminciamm dall’inizio:
faje na pasta sopraffina,

e po’ tagliala a palline,
cu na bona nfarinata.
Dopp’a frje. Già t’e stancate?
Chest è a parte chiù importante!
Mò ce vo’: miele abbondante
e na granda cucuzzata
(a cocozza nzuccherata).
                                                   N’è fernuto ancora, aspiette!
S’anna mettere ‘e cunfiette:
aggrazziate, piccerille,
culurate: ‘e diavulille…
Ma qua nfierno, è Paraviso!
Iamme, falle nu’ surriso!
Comme dice? “Mamma mia,
stanne troppi ccalurie
so’ pesante, fanno male?”
Si va buò,ma è Natale!




Ho trovato sul web questa poesia dedicata agli struffoli e ho pensato di postarla insieme alla ricetta. Poi però ho scoperto che l' hanno fatto tutti i blogger che li hanno preparati, però "ci avevo messo il pensiero" come diciamo a Napoli e l' ho postata comunque!!
Sono anche sicura che il mio amico Marco dopo averla letta mi prenderà in giro all'infinito :):)!!!

I "diavulille" che,  come dice la poesia, sono confetti aggraziati, piccoli e colorati.. sono una specie di confettini piccoli che qui a Torino non si trovano.

Ho preparato questa ricetta per il contest della Molino Chiavazza "La tradizione del Natale".. Gli struffoli sono famosi per essere dolci napoletani di Natale.. però ho scoperto che non siamo stati proprio noi ad inventarli ma i Greci.. che li hanno portati in Italia e noi li abbiamo fatti nostri :)
Non so se siano migliori o peggiori di ciò che erano in origine.. ma so di certo che sono buonissimi :)

Eccovi la ricetta:
  • 600 gr di farina 00 Molino Chiavazza
  • 5 uova (4 intere e 1 tuorlo)
  • 2 chicchiai di zucchero
  • 80 gr di burro
  • 1 bicchhierino di limoncello
  • scorza di mezzo limone
  • un pizzico di sale
  • olio per friggere
  • una cucchiaino aso di lievito per dolci
Per guarnire:
  • 400 gr di miele
  • codette o pallini di zuccherini q.b.
  • per chi li trova i "diavulille" 

 Su una spianatoia distribuire la farina a fontana  e al centro mettere tutti gli ingredienti. Cominciare ad impastare.. inizialmente sembrerà poco elastico e molto sfoglioso, io ho aggiunto un goccino di latte e ho continuato ad impastare. Alla fine formare una palla e coprendola con un canovaccio lasciarla riposare per mezz'ora.



Trascorso il tempo necessario prendere parte dell'impasto lavorarlo a forma di cordone, tagliarlo a pezzetti e farne delle palline.

             








Riscaldare abbondante olio di semi e versare le palline. Friggerle per qualche minuto finchè non risulteranno dorate. 












In una padella versare il miele, riscaldarlo velocemente e aggiungere gli struffoli. Mescolando continuamente amalgamare il miele e agli struffoli.












A questo punto aggiungere gli zuccherini e continuare a mescolare. Impiattare guarnendoli ancora con delle amarene se ne avete :)





BUON APPETITO!!

Con questa ricetta partecipo al contest della Molino Chiavazza



..e Il pranzo di Natale di SpirEat..




 

9 commenti:

  1. anche io li ho fatti e sono deliziosi non e natale senza struffoli...
    lia

    RispondiElimina
  2. E questa è proprio una di quelle ricette golossissime... che senza accorgetene uno tira l'altro e hai finito tutto il piatto!

    RispondiElimina
  3. che delizia,una ricetta da contest!!!!

    RispondiElimina
  4. E' vero.. non è Natale senza struffoli :).. li ha mangiati praticamente tutti mia madre prorpio perchè uno tira l'altro...ahahah!!

    RispondiElimina
  5. Meri,la poesia è il top!Ora come regalo di Natale la dovrai recitare a memoria!Gli "struffoli" che a casa mia vengono chiamati "Pucciddhruzzi" sono il Natale...concordo!Ora però aggiungi le "Pittule" che,forse,a Torre del Greco vengono chiamate "pettole".
    Un bacio alla mia cuoca partenopea Meri alias 33333333333333333333333333!INDOVINATE UN PO' IL PERCHE'???JAMME JA!

    RispondiElimina
  6. Ciao Meri, sono Valentina del contest "I migliori anni della nostra vita" fatto insieme a Ferdinando. Oggi abbiamo annunciato i vincitori, quando puoi passa da me o da Ferdinando più tardi. :))))))) Bello questo dolce e simpatica la poesia, ho scoperto solo adesso che sei di Torino come me, mica me n'ero accorta!! Baci

    RispondiElimina
  7. Ciao Vale..Grazie di essere passata per avvertirmi :):)
    Sono veramente felice..so di avertelo gia detto ma lo ripeto!!
    Grazie anche a Ferdinado!!!
    Si.. vivo a Torino.. però sono napoletana e sono contenta di aver vinto un contest con una ricetta tipica:)!!!
    Grazie grazie grazie!!!

    RispondiElimina
  8. Meri ti ho già risposto da me per il contest ma ti scrivo anche qui..complimenti ancora, le tue zeppole si meritano tanto la vittoria e tu sei stata molto brava!! Aspettiamo la tua mail con l'indirizzo e subito dopo Natale ti spedirò il pacco, spero che ti piaccia il premio. Una buona giornata!

    RispondiElimina
  9. Ciao! Grazie per le ricette e buon 2012!

    RispondiElimina